Vai al menu principale | Vai al menu di sezione | Leggi i contenuti della pagina corrente

UniversitÓ di Pisa

Corso di Laurea magistrale in Ingegneria Edile Architettura

Presentazione generale

Il corso di laurea magistrale in ingegneria Edile Architettura ha un ordinamento specificamente strutturato nel rispetto della direttiva 85/384/CEE concernente i diplomi, certificati ed altri titoli che danno accesso, nell’UE, alle attività del settore dell’architettura, ed è conforme al DM 270.  Al compimento degli studi viene conseguito il titolo di Dottore magistrale in Ingegneria Edile-Architettura.

I laureati in Ingegneria Edile - Architettura devono:
 - conoscere approfonditamente la storia dell’architettura, dell’edilizia e dell’urbanistica, gli strumenti e le forme della rappresentazione ai diversi livelli, gli aspetti teorico-scientifici oltre che metodologico-operativi della matematica e delle altre scienze di base;
 - conoscere approfonditamente gli aspetti teorico scientifici, oltre che metodologico-operativi, relativi agli ambiti disciplinari caratterizzanti il corso di studio ed essere in grado di utilizzare tali conoscenze per identificare, formulare e risolvere anche in modo innovativo problemi complessi della pianificazione del territorio, dell’architettura e dell’edilizia o che richiedono un approccio interdisciplinare;
 - avere conoscenze nel campo dell’organizzazione aziendale (cultura d’impresa) della sicurezza e dell’etica professionale;
 - essere in grado di progettare e predisporre le operazione di costruzione, trasformazione e modificazione dell’ambiente fisico, con piena conoscenza degli aspetti territoriali, estetici, distributivi, funzionali, strutturali, tecnico-costruttivi, gestionali, economici, e ambientali e con attenzione critica ai mutamenti culturali e ai bisogni espressi dalla società contemporanea;
 - avere capacità di dirigere la realizzazione delle opere progettate coordinando a tali fini, ove necessario, altri specialisti e operatori nei campi della gestione del territorio, dell’architettura, dell’ingegneria edile, e del restauro architettonico;
 - essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano
Il corso di laurea magistrale è articolato in quattro orientamenti
a. dell’architettura e di tutto ciò che concerne l’arte del costruire e della composizione architettonica con riguardo agli aspetti storici, estetico formali, monumentali, percettivi,ecc, collegati alla fattibilità dell’opera;
b. dell’urbanistica, della pianificazione territoriale, della gestione del territorio e di tutto ciò che concerne l’ambiente, sapendo cogliere gli ambiti e le problematiche della: geologia, agronomia, economia, sociologia, storia e beni culturali;
c. dell’arte dell’edificare secondo i principi della scienza e della tecnica , con riguardo all’organizzazione del ciclo produttivo, alle prestazioni dell’organismo progettato, al risparmio energetico, alla sicurezza, ecc;
d. orientamento libero senza riconoscimento europeo del titolo di studio.

Il Corso è a numero programmato. Il numero dei posti disponibili per il primo anno è stabilito annualmente dal Senato accademico. L'iscrizione è subordinata al superamento di una prova di ammissione che si svolge contemporaneamente in tutte le università italiane ai primi del mese di Settembre.  Il relativo bando è consultabile anche via Internet all’indirizzo web:
www.unipi.it/studenti/bandi/accesso/corsi/index.htm

Come è organizzato il corso

Il Corso di Laurea Magistrale è strutturato su cinque anni accademici.
L’ordinamento didattico è ripartito in:
- insegnamenti e laboratori obbligatori (27 esami + 13 laboratori progettuali) per un totale di 3740 ore;
- insegnamenti opzionali (28° e 29° esame) per un totale di 240 ore ed un laboratorio progettuale di 300 ore per la tesi di laurea;
- stage, tirocini ed altre attività formative.

L’attività didattica è articolata in lezioni -  esercitazioni applicative e/o progettuali.
La frequenza ai laboratori è obbligatoria e non potrà essere inferiore all’80% delle ore prestabilite in orario.

Quali materie studierai

1° anno (57 CFu)
Analisi matematica 1; Geometria; Fisica generale; Informatica grafica;
Laboratorio per applicazioni CAD; Storia dell’architettura 1; Laboratorio
di Storia dell’architettura 1; Disegno dell’architettura 1; Laboratorio
dell’architettura 1; Tecnologia dei materiali e chimica applicata;

2° anno (57 CFu)
Analisi matematica 2; Meccanica razionale; Storia dell’architettura 2; Disegno dell’architettura 2; Architettura e composizione architettonica 1; Laboratorio di Architettura e composizione architettonica 1;Tecnica urbanistica 1;
Laboratorio di Tecnica urbanistica 1; Conoscenza della lingua inglese

3° anno (57 CFu)
Architettura e composizione architettonica 2; Laboratorio di Architettura e composizione architettonica 2; Architettura tecnica 1; Laboratorio di Architettura tecnica 1; Tecnica urbanistica 2; Laboratorio di Tecnica urbanistica 2; Fisica tecnica ambientale; Scienza delle costruzioni. ; Altre attività formative.

4° anno (63 CFu)
Architettura e composizione architettonica 3; Laboratorio di Architettura e composizione architettonica 3; Architettura tecnica 2; Laboratorio di Architettura tecnica 2; Idraulica + costruzioni idrauliche; Tecnica delle costruzioni; Geotecnica;
Diritto urbanistico, legislazione delle OO.PP. + sociologia urbana.

5° anno (66 CFu)
Economia ed estimo civile; Restauro architettonico; Laboratorio di Restauro architettonico; Organizzazione del cantiere; Laboratorio di Organizzazione del Cantiere.
Orientamento A
1 disciplina a scelta tra:
Recupero e conservazione degli edifici; Architettura tecnica 3;
1 disciplina a scelta tra:  Costruzioni in zona sismica; Tecnica delle costruzioni 2; Chimica e tecnologia del restauro e della conservazione dei materiali.
Orientamento B
1 disciplina a scelta tra:  Progettazione urbanistica; Recupero e riqualificazione ambientale; urbana e territoriale;
1 disciplina a scelta tra: Costruzione di strade; ferrovie ed aeroporti;
Infrastrutture viarie urbane e metropolitane; Topografia e fotogrammetria.
Orientamento C
1 disciplina a scelta tra:  Architettura tecnica e tipologie edilizie; Architettura
e composizione architettonica 4;
1 disciplina a scelta tra:  Impianti termotecnici (per l’edilizia); Impianti
elettrici (per l’edilizia); Illuminotecnica ed acustica applicata.
Orientamento  D
2  discipline a scelta all’interno dell’ateneo per complessivi 18 CFU
Laboratorio progettuale di Tesi

Didattica e esperienze di ricerca

Il corso di laurea partecipa con gli insegnamenti caratterizzanti (architettura, rilievo e rappresentazione, urbanistica, ecc.) a sperimentazioni didattiche e di ricerca sul territorio sviluppate sulla base di convenzioni fra l’Università o il CdL e gli enti locali. All’interno dei laboratori si organizzano brevi stage residenziali cui partecipano studenti, docenti e collaboratori alla didattica. Questa attività è funzionale al coinvolgimento degli studenti nell’affrontare temi di ricerca applicata complessi e interdisciplinari che comprendono più fasi del processo di ricerca: ricognizione sul luogo, definizione degli obiettivi, definizione dell’iter di ricerca, scelta delle metodologie appropriate, adattamento delle metodologie, eventuale uso di tecnologie e strumentazione innovativa, confronto dialettico con esperti di campi disciplinari esterni al CdL, ecc.